Come i fornitori di energia sostenibile stanno plasmando l'industria energetica in Italia

14 giugno 2021
energia solare

Nel nostro tentativo di de-carbonizzare il settore energetico, centoquarant'anni dopo l'innovazione dell'elettricità imbrigliata, la sostenibilità è ora un fattore dominante nell'arena energetica. C'è bisogno di esplorare nuove opportunità per la maggior parte dei fornitori di energia che sperano di rimanere rilevanti nel futuro del mercato energetico. La sfera energetica italiana è per lo più limitata dalla sua mancanza di una grande geografia. Tuttavia, compensa questo con la concomitante espansione della sua integrazione delle rinnovabili nel suo mix di generazione utilizzato per creare infrastrutture per sostenere l'energia sostenibile. La capacità del settore delle rinnovabili in Italia è stimata per raggiungere almeno 60 GW entro il 2030, in aumento dagli attuali 36 GW con una crescita annua composta del 4,5%, escludendo l'energia idroelettrica. Questa capacità di aggirare ovvi vincoli ha attirato diversi attori con un crescente interesse nel campo della sostenibilità energetica. Gli investimenti stanno vedendo enormi aumenti; per esempio, nel giugno 2020, è iniziato il progetto eolico galleggiante 7 Seas Med, valutato 750 milioni di euro.

energia rinnovabile in Italia

Anche se l'Italia sta facendo grandi passi verso la sostenibilità nel suo settore energetico, c'è ancora molto da fare. L'Agenzia Internazionale dell'Energia riporta che più del 45% dell'approvvigionamento energetico in Italia proviene ancora da petrolio e carbone, mentre le importazioni coprono ulteriori richieste di energia. I fornitori hanno visto questa opportunità e stanno sfruttando al meglio queste potenzialità colmando il gap di approvvigionamento.

Capire il ruolo dei fornitori di energia sostenibile in Italia.

La filiera del sistema elettrico italiano prevede quattro elementi nel mercato dell'energia: produzione, trasmissione, distribuzione e vendita. Le aziende energetiche possono lavorare in una di queste aree o in tutte, permettendo ai clienti di scegliere il loro fornitore preferito. La produzione o generazione di energia elettrica avviene in grandi centrali che devono essere collegate alla rete di trasmissione nazionale. In Italia, il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) è responsabile della regolamentazione della produzione di energia rinnovabile.Terna gestisce la trasmissione dell'elettricità in Italia. Secondo Terna, essi "occupano il segmento fondamentale della trasmissione con un ruolo di Transmission System Operator (TSO) e Independent System Operator (ISO) in un regime di monopolio e sulla base di una concessione governativa".Vari fornitori agiscono come intermediari, comprando energia nel mercato all'ingrosso e vendendola ai clienti. Allo stesso tempo, ci sono altri fornitori che producono le proprie forme di energia, come EnviTec Biogas AG. Il mercato è molto competitivo.

fonti di energia rinnovabile in Svizzera

Ciò che spinge questi fornitori di energia a diventare "sostenibili" è il tipo di energia nel ciclo della domanda e dell'offerta. Spieghiamo, i fornitori non possono controllare la quantità esatta di energia che i clienti usano, ma possono influenzare pesantemente il tipo di energia acquistata dai clienti. Quindi, un fornitore di energia sostenibile è cosiddetto perché si concentra sull'acquisto o la produzione e la vendita di energia sostenibile come il biogas, l'energia idroelettrica, il fotovoltaico solare, ecc. Questo accade quando i fornitori fanno corrispondere il tipo e la quantità di elettricità acquistata dai clienti con il tipo e la quantità esatta che acquistano dal mercato all'ingrosso o che producono loro stessi.Ora, supponiamo che l'elettricità che i fornitori acquistano/producono sia sostenibile al 100%. In tal caso, l'elettricità che i clienti compreranno e useranno sarà anch'essa sostenibile al 100%, influenzando così la metamorfosi del mercato dell'energia in Italia.Il principale attore del mercato italiano della produzione di elettricità era Enel, che deteneva il 28% della quota di mercato nel 2011. C'è stata una legge di vendita obbligatoria per la regolamentazione della concorrenza che ha permesso alla quota di Enel di scendere dal 49% alla percentuale attuale tra il 2003 e il 2011. Questo ha permesso anche agli operatori più piccoli di entrare nel mercato e di aumentare esponenzialmente le loro quote. Questi concorrenti sono Edison, Eni, E. ON e altri.La distribuzione è effettuata da una manciata di operatori attraverso concessioni del governo, con Enel che detiene ancora la maggioranza dell'86% attraverso il suo operatore di rete di distribuzione DNO.Il mercato italiano dell'elettricità ha un alto tasso di consumo che richiede la dipendenza dalle importazioni di energia e prezzi più elevati. Per risolvere questo problema, l'Italia ha elaborato un quadro normativo nella sua Strategia Energetica Nazionale. Esso include la liberalizzazione della fornitura, della distribuzione, del commercio di elettricità e la separazione delle attività di trasmissione.In Europa, l'Italia è uno dei mercati primari per gli investitori perché offre un clima ideale per lo sviluppo tecnologico per quanto riguarda il settore energetico. Saipem ha recentemente firmato un accordo sulle energie rinnovabili con Agnes e Qint'X per co-sviluppare una tecnologia solare fotovoltaica galleggiante con una capacità eolica offshore di 450MW nel mare Adriatico italiano.

Il gioco di potere italiano

In Europa, l'Italia è un paese con l'abitudine molto intrigante di fissare e battere i propri obiettivi sulle energie rinnovabili. Ha intrapreso diverse collaborazioni tecnologiche per spingere ulteriori progressi energetici, come quella con gli Emirati Arabi Uniti, giustamente chiamata InnovitalyUAE. Inoltre, le partnership con Areva per investire nell'energia nucleare, considerata energia pulita, e i suoi investimenti privati con la multinazionale dell'energia solare Sonnedix per promuovere l'espansione del settore delle energie rinnovabili.

pannelli solari di Eni

Questo distinto paese europeo vuole ridurre significativamente la sua impronta di carbonio dell'80 - 95% rispetto ai suoi livelli del 1995 entro il 2050, sperando di usare più energia sostenibile all'interno dei suoi confini. Questo dà a questi fornitori di energia sostenibile il sopravvento nel dettare i prezzi del mercato italiano dell'energia del tutto.Inoltre, l'Italia dipende da un sacco di importazioni nette di energia con alti prezzi dell'energia, il che fa ben sperare per i fornitori di energia. Nel 2012, l'82% della domanda nazionale di energia è stata soddisfatta dalle importazioni nette, mentre la produzione nazionale da gas, petrolio e fonti rinnovabili si è attestata su un mero 4,3%, 3,5% e 11,1%, rispettivamente.Tuttavia, l'Italia è uno dei paesi con i più bassi livelli di intensità energetica, il che significa che l'uso finale di energia è diminuito negli ultimi anni con miglioramenti nella generazione di elettricità. Hanno anche promettenti progressi tecnologici evidenti in uno dei parchi di turbine a gas a ciclo combinato più efficienti del mondo.Conclusione.I fornitori di energia sostenibile sono in cima alla catena alimentare nel settore energetico italiano perché l'Italia ora si affida immensamente all'energia sostenibile per raggiungere gli obiettivi prefissati. Questo spinge clienti, consumatori e prosumer a concentrarsi sulla sostenibilità nella produzione e nell'uso dell'energia. Anche gli incentivi offerti sono un buon motivatore per seguire continuamente questa linea.

Commenti

Non ci sono ancora commenti, sii il primo...

Fateci sapere cosa ne pensate

Grazie! Il tuo commento è stato inviato!
Ops! Qualcosa è andato storto durante l'invio del modulo.
Iscriviti alla nostra newsletter
Chiudere Cookie Preference Manager
Impostazioni dei cookie
Cliccando su "Accetta tutti i cookie", acconsenti alla memorizzazione dei cookie sul tuo dispositivo per migliorare la navigazione sul sito, analizzare l'utilizzo del sito e assistere i nostri sforzi di marketing. Più informazioni
Strettamente necessario (sempre attivo)
Cookie necessari per abilitare le funzionalità di base del sito web.
Fatto da Flinch 77
Ops! Qualcosa è andato storto durante l'invio del modulo.