Energia rinnovabile in Norvegia: Cosa c'è da sapere

6 giugno 2022
energia in Norvegia

L'acqua occupa circa il 5,05% della superficie totale della Norvegia. Questa frazione può sembrare insignificante, fino a quando non si scopre che la Norvegia ha la seconda più grande percentuale di acqua rispetto alla terra a livello globale, dietro solo al Canada con l'8,93%.

Tra i corpi idrici ci sono i fiordi norvegesi. Con oltre 1.000 fiordi che attraversano il Paese, la Norvegia è il Paese che ospita il maggior numero di fiordi al mondo. Con questa risorsa idrica viva e attiva a disposizione del Paese, la Norvegia si vanta di essere la nazione europea con la più alta capacità idroelettrica. 

Sulla base di queste informazioni, nel 2020 il 60% del fabbisogno energetico norvegese sarà soddisfatto dalle efficienti centrali idroelettriche.

L'energia rinnovabile in Norvegia non è un concetto nuovo. Al contrario, la Norvegia avanzata che vediamo oggi è stata plasmata da decisioni cruciali prese nel 1800 in merito all'utilizzo della forza motrice di fiumi e cascate per generare elettricità per scopi industriali. Questa idea tecnologica, in sinergia con i pronti accordi politici, avrebbe plasmato in meglio il futuro della produzione e del consumo di energia in Norvegia.

Energia rinnovabile in Norvegia: Quanto sono lontani i risultati.

Quando si confrontano le situazioni delle energie rinnovabili di una nazione a distanza di decenni l'una dall'altra, ci si aspetterebbe naturalmente delle differenze così significative da far sì che i grafici si distribuiscano in modo strano. Tuttavia, questo non è il caso della Norvegia. 

Un aspetto che rende interessante la crescita delle energie rinnovabili del Paese nel corso dei decenni è la quasi linearità dell'infografica. Essendo una nazione che da tempo è protagonista nella produzione e nel consumo di energia pulita, la crescita del Paese è stata piuttosto costante, con sfumature annuali di differenza.

In breve, analizziamo il percorso del Paese nel campo delle energie rinnovabili nel corso degli anni.

Energia

Il grafico seguente mostra le fonti di consumo energetico della Norvegia tra il 1965 e il 2020. Sebbene la fonte idroelettrica abbia guidato la corsa alla fornitura di energia dal 1965, non c'è stata una crescita percentuale significativa - ha oscillato tra il 60% e poco più del 70% in questo periodo di studio. Tra le altre fonti di energia rinnovabile, solo l'energia eolica ha mostrato una crescita sostanziale verso il 2020, mentre le altre fonti, compresa quella solare, hanno mantenuto percentuali insignificanti.

Fonte: https://ourworldindata.org/energy/country/norway

Elettricità

Il grafico dell'elettricità riportato di seguito mostra la quantità di elettricità prodotta in Norvegia da ciascuna fonte tra il 1985 e il 2021. I risultati sono simili a quelli del grafico del consumo totale di energia: la Norvegia ha registrato un picco nella quota di energia idroelettrica nel 2000 (99,57%), che è scesa al 91,72% nel 2021. Al contrario, l'energia eolica è stata la seconda fonte dominante nel 2021 (7,49%) dopo una lenta crescita dal 1985. 

Fonte: https://ourworldindata.org/energy/country/norway

Emissioni di CO2

Il grafico sottostante rappresenta la quantità di CO2 emessa per unità di produzione energetica ogni anno tra il 1965 e il 2020. Sebbene queste cifre rappresentino bassi tassi di emissione di carbonio, mostrano chiaramente che, contrariamente a quanto ci si aspettava, la Norvegia non ha assistito a un'impressionante riduzione delle emissioni di CO2 per unità di energia prodotta a partire da un anno già lontano come il 1965.

Fonte: https://ourworldindata.org/energy/country/norway

Politiche che favoriscono la crescita delle energie rinnovabili in Norvegia

La prosperità delle energie rinnovabili in Norvegia non sarebbe possibile senza la sinergia esistente tra la partecipazione attiva del governo e una cittadinanza rispettosa. Per garantire la continuità e il miglioramento della situazione energetica in Norvegia sono state messe in atto diverse politiche, evidenziate di seguito.

  1. Progetto CCS Longship: Questo progetto, lanciato nel 2020, è stato introdotto in Norvegia per costruire infrastrutture con una capacità sufficiente a catturare e stoccare la CO2 emessa.
  2. Pacchetto di conversione verde - Piattaforma di ricerca verde: Nel 2021 il governo norvegese ha annunciato che avrebbe investito 1 miliardo di corone norvegesi (l'equivalente di 992,6 milioni di euro) in una piattaforma verde per favorire la crescita verde e facilitare una comunità d'affari per i ricercatori e gli appassionati di green business.
  3. Bilancio nazionale 2021 - Ricerca sull'idrogeno: Nel bilancio norvegese per il 2021 sono stati stanziati 200 milioni di corone norvegesi per la costruzione di infrastrutture, un mercato dell'idrogeno e un centro di ricerca sull'energia ecologica.
  4. Lancio del Centro di Ricerca Northwind: Nel 2021 il Consiglio norvegese per la ricerca ha stanziato 120 milioni di corone norvegesi per il Centro di ricerca norvegese sull'energia eolica. La ricerca si concentra sulla creazione di opportunità di esportazione per le imprese norvegesi e sulla minimizzazione degli impatti ambientali che il futuro sviluppo dell'energia eolica potrebbe causare.
  5. Esenzione IVA per le auto elettriche: Nel 2021, il governo norvegese ha annunciato l'esenzione dal pagamento dell'IVA per i proprietari di veicoli elettrici. Questo ha portato, in parte, all'aumento delle vendite di veicoli elettrici in Norvegia, dove quasi l'80% delle auto vendute nel Paese nel 2021 erano veicoli elettrici.

Progetti di energia rinnovabile in corso in Norvegia

La Norvegia punta al 2030 come anno di neutralità delle emissioni di carbonio. Tuttavia, la capacità eolica del Paese rimane solo una minima parte della produzione totale di energia rinnovabile, rappresentando solo il 10% della produzione.

Energia eolica in Norvegia

Per dare una svolta a questa storia, sono attualmente in corso diversi progetti di parchi eolici:

Proiezioni degli esperti

Come già detto, la Norvegia spera di diventare neutrale dal punto di vista delle emissioni di carbonio entro il 2030. Abbiamo discusso le politiche e i progetti messi in atto per raggiungere questo obiettivo. Tuttavia, dopo aver valutato un rapporto commissionato dalla Federazione delle Industrie Norvegesi, DNV ritiene che ciò sia impossibile.

Il piano 2030 prevede una riduzione delle emissioni di carbonio del 55% rispetto ai livelli del 1990. Il Norway Energy Transition Report di DNV ha previsto che la Norvegia può gestire solo una riduzione del 24% al massimo entro il 2030 e del 79% entro il 2050. 

Questa previsione si basa sulla proiezione della domanda di elettricità in Norvegia. Ulteriori analisi contenute nel rapporto mostrano che nel prossimo decennio la domanda di elettricità supererà l'elettricità prodotta, il che lascerà inevitabilmente un segno negativo sulla riduzione di CO2.

Pensieri finali

Secondo il rapporto citato, un aumento insormontabile della domanda di elettricità spingerà le persone a consumare combustibili fossili, facendo così arretrare di qualche passo l'obiettivo della neutralità delle emissioni di carbonio. Per evitare che si verifichi un'impennata delle emissioni di carbonio, si raccomanda al governo norvegese di dare maggior peso alle politiche di cattura e stoccaggio del carbonio (CCS).

Commenti

Non ci sono ancora commenti, sii il primo...

Fateci sapere cosa ne pensate

Grazie! Il tuo commento è stato inviato!
Ops! Qualcosa è andato storto durante l'invio del modulo.
Iscriviti alla nostra newsletter
Chiudere Cookie Preference Manager
Impostazioni dei cookie
Cliccando su "Accetta tutti i cookie", acconsenti alla memorizzazione dei cookie sul tuo dispositivo per migliorare la navigazione sul sito, analizzare l'utilizzo del sito e assistere i nostri sforzi di marketing. Più informazioni
Strettamente necessario (sempre attivo)
Cookie necessari per abilitare le funzionalità di base del sito web.
Fatto da Flinch 77
Ops! Qualcosa è andato storto durante l'invio del modulo.