Esame del lavoro cooperativo dei paesi dell'UE per raggiungere il loro obiettivo di energia rinnovabile del 2020

8 febbraio 2021
Energia rinnovabile dell'UE|_ Quote di fonti di energia rinnovabile|Temporale dell'energia rinnovabile dell'UE|Energia eolica

Quando l'UE ha creato la direttiva sulle energie rinnovabili (RED), ha stabilito obiettivi e politiche, sia a lungo che a breve termine, per ridurre drasticamente il volume delle emissioni di gas serra. Gli obiettivi e le politiche divennero vincolanti per tutti i paesi dell'UE che erano firmatari della direttiva. Il fatto ovvio che alcuni di questi paesi avevano già fissato obiettivi individuali per ridurre l'uso dei combustibili fossili e i loro effetti residui non era un deterrente.

linea temporale dell'energia rinnovabile dell'ue

Come un'unione di paesi disposti a lavorare insieme per un obiettivo comune, ci si aspetterebbe che ci fosse una cooperazione, in vari gradi o forme, per raggiungere gli obiettivi fissati. Questi sono stati messi a disposizione nella direttiva sull'energia rinnovabile sotto i meccanismi di cooperazione come un modo per assicurare che ci sia cooperazione a vari livelli. Specialmente quando si tratta di paesi che non possono raggiungere gli obiettivi fissati a causa di un fattore globale di sviluppo o ambientale, mentre altri raggiungono e superano i loro obiettivi con poco ostacolo da tali fattori. Per esempio, un paese senza sbocco sul mare non sarà in grado di creare tanta energia idroelettrica per il consumo quanto uno che ha diverse fonti d'acqua strumentali a sua disposizione. Allo stesso modo, un paese che non riceve tanta luce solare per la produzione di energia solare quanto uno che la riceve, a causa delle variazioni climatiche, dovrà fare affidamento sul maggior produttore o su un altro mezzo di creazione di energia pulita per raggiungere i suoi obiettivi e aumentare il vantaggio cooperativo complessivo dell'UE.Questo non significa che qualsiasi paese dell'UE sia carente in ogni area in cui possono trovare fonti di energia rinnovabile (RES); al contrario, tutti i paesi dell'UE hanno una serie di fonti di energia rinnovabile a loro disposizione.I meccanismi di cooperazione elencati nella direttiva sulle energie rinnovabili sono:

  • Trasferimenti statistici
  • Progetti comuni
  • Schemi di sostegno congiunto

TRASFERIMENTI STATISTICI

Come spiegato in precedenza, non tutti i paesi dell'UE hanno le stesse FER. Tuttavia, ai sensi dell'articolo sei della direttiva sull'energia rinnovabile, i paesi sono incoraggiati a cooperare e ad aiutare ad aumentare le statistiche sull'energia rinnovabile dei paesi a basso rendimento per raggiungere congiuntamente gli obiettivi individuali. Questo dovrebbe avvenire solo se hanno raggiunto i loro obiettivi specifici prima della scadenza richiesta. [caption id="attachment_8280" align="aligncenter" width="755"]

Quote di fonti di energia rinnovabile

Fonte: Navigant 2020, rapporti degli stati membri[/caption]Con i trasferimenti statistici, i paesi possono trasferire determinate quantità di energia rinnovabile (solo statistiche) ad altri paesi. Questo non significa necessariamente che trasferiranno le FER ma le statistiche che si riversano, si può vedere un esempio nella cooperazione tra Lituania e Lussemburgo.Gli obiettivi nazionali dati da RED dovevano essere raggiunti alla fine del 2020. A partire dal 2015, la Lituania aveva raggiunto un obiettivo del 25,75% superando il suo obiettivo designato del 23%, mentre il Lussemburgo aveva raggiunto solo il 5% del suo 11% obbligatorio. Entrambi i paesi hanno essenzialmente raggiunto un accordo per essere la prima coppia ad utilizzare il meccanismo di cooperazione del trasferimento statistico per spingere il Lussemburgo al suo obiettivo specificato entro il 2020. (Non dimentichiamo che la RED stabilisce obiettivi nazionali obbligatori per ogni stato membro e il trasferimento statistico può avvenire solo dopo che i paesi cooperanti hanno informato laCommissione europea. C'è una flessibilità disponibile con questo particolare meccanismo per incentivare i singoli paesi a superare gli obiettivi per alcune quote mentre altri raggiungono gli obiettivi a costi inferiori, in sostanza, promuovendo la cooperazione mentre si raggiungono gli obiettivi individuali.

PROGETTI CONGIUNTI

Questi progetti mirano specificamente all'elettricità o al riscaldamento e raffreddamento e possono essere estesi a Stati non membri dell'UE. Secondo un briefing dell'Agenzia europea dell'ambiente sulla cooperazione transfrontaliera in materia di energia rinnovabile, ci sono almeno tre vantaggi notevoli nell'utilizzo di progetti comuni come meccanismo di cooperazione:

  • Generazione di elettricità più efficiente e meno costosa
  • Maggiore certezza nel mercato dell'energia
  • Accesso aperto a nuove risorse e opportunità

Altri contributi della cooperazione di progetti congiunti sono enumerati come:

  1. L'integrazione del mercato interno dell'energia dell'UE
  2. L'armonizzazione degli approcci legislativi e politici nazionali negli Stati membri dell'UE
  3. Il raggiungimento degli obiettivi energetici dell'UE

L'applicazione di questi benefici e contributi darà vita a un solido caso economico per l'uso di progetti congiunti da parte degli stati membri dell'UE per raggiungere i loro obiettivi di energia rinnovabile e creare un clima economico migliore, con costi complessivi ridotti e cittadini soddisfatti. Si può vedere un esempio con la cooperazione tra Danimarca e Germania durante un'asta per i prezzi dell'elettricità per il solare fotovoltaico in entrambi i paesi. Le offerte sono state storicamente basse, aiutando la Danimarca a tagliare la quantità stimata di aiuti che avrebbe dovuto rilasciare a se stessa per il progetto se fosse stato su base individuale.I benefici possono trascendere l'economia a livelli di:

  • Cooperazione con mercati comuni
  • Accesso a luoghi al di fuori dei confini individuali
  • Aumentare certamente in condizioni di trading sicuro all'interno di questi mercati
  • Innovazione tecnologica
  • Creazioni di politiche energetiche condivise e;
  • Un livello generale di parità di condizioni per un mercato energetico integrato(Agenzia europea dell'ambiente)

SCHEMI DI SOSTEGNO CONGIUNTO

Questo meccanismo di cooperazione differisce da quello del progetto comune nel senso che si occupa di qualsiasi produzione di energia rinnovabile tra gli stati membri. Ciò significa che non è limitato all'elettricità o al raffreddamento e al riscaldamento.

energia eolica

Entrambi gli stati membri condividono responsabilità e risultati nella produzione e distribuzione di FER per raggiungere insieme i loro obiettivi RED:

I meccanismi di cooperazione stabiliti dalla RED per aiutare gli stati membri a raggiungere i loro obiettivi di energia rinnovabile non sono ancora ampiamente utilizzati nonostante la speranza di promuovere una cooperazione essenziale. Solo pochi progetti offrono esempi pronti, mentre la maggior parte sono ancora in fase di test. La cosa buona è che c'è spazio disponibile per gli stati membri per lavorare insieme nella creazione di un equilibrio e di un campo di gioco uniforme per ulteriori esplorazioni ed espansione delle idee.

Commenti

Jorge
25 luglio 2022

Interessante, pensi che raggiungeranno i loro obiettivi?

Potere dell'alveare
22 agosto 2022

@Jorge Gli obiettivi sono stati raggiunti e superati in tutta l'UE. Puoi trovare maggiori informazioni a questo link. Ora gli occhi sono puntati sugli obiettivi RED 2030.

Fateci sapere cosa ne pensate

Grazie! Il tuo commento è stato inviato!
Ops! Qualcosa è andato storto durante l'invio del modulo.
Iscriviti alla nostra newsletter
Chiudere Cookie Preference Manager
Impostazioni dei cookie
Cliccando su "Accetta tutti i cookie", acconsenti alla memorizzazione dei cookie sul tuo dispositivo per migliorare la navigazione sul sito, analizzare l'utilizzo del sito e assistere i nostri sforzi di marketing. Più informazioni
Strettamente necessario (sempre attivo)
Cookie necessari per abilitare le funzionalità di base del sito web.
Fatto da Flinch 77
Ops! Qualcosa è andato storto durante l'invio del modulo.